Come controllare l’olio motore: la guida facile per tutti

Se vi state chiedendo come controllare l’olio motore, in questa piccola guida cercheremo di spiegarvi tutti i passaggi per poter compiere questa operazione in totale sicurezza.

Non dimenticate che l’olio motore sintetico è quello che permette alla vostra macchina di viaggiare per lunghi tragitti senza problemi, per cui al primo segnale (spia olio accesa o lampeggiante) non esitate ad effettuare gli opportuni controlli.

Provvedete, in caso di necessità, ad un rabbocco o cambio dell’olio, senza aspettare che la pressione dell’olio motore bassa causi danni irreparabili alla vostra vettura.

Per viaggiare sempre in totale sicurezza sarebbe infine opportuno provvedere ad un controllo periodico anche se non si dovesse notare la spia dell’olio lampeggiante. Per

come controllare l'olio motore

questo è veramente importante sapere sempre come controllare l’olio motore senza commettere errori.

Controllare l’olio motore: le regole principali

Per poter fare un controllo a perfetta regola d’arte innanzitutto dovrete assicurarvi di aver parcheggiato la vostra macchina in piano, perchè una inclinazione, anche se lieve, potrebbe falsare i risultati del controllo effettuato.

Dopo aver spento il motore ed azionato il freno a mano attendete un po’ di tempo per dare modo al motore di raffreddarsi ed evitare così spiacevoli scottature.

A questo punto iniziate aprendo il cofano e puntellandolo con il suo sostegno. Procedete poi estraendo l’astina misurata dal suo alloggiamento e pulitene l’estremità con un panno asciutto o un pezzo di scottex pulito. La sua individuazione è resa più facile dalla presenza di un anellino colorato posto all’estremità.

come controllare l'olio motore

Reinseritela poi nel suo alloggiamento ed estraetela nuovamente. A questo punto potrete facilmente verificare quale sia il livello dell’olio motore sintetico presente nella vostra auto.

Tenete sempre presente che il livello ottimale è quello compreso tra le due tacche.

Se la pressione dell’olio motore è bassa, e l’astina misurata rivela un livello molto vicino alla tacca inferiore, sarebbe opportuno provvedere ad un eventuale rabbocco senza aspettare che la spia dell’olio si accenda.

Come scegliere l’olio motore: saper leggere l’etichetta

Sia per effettuare il rabbocco che per un totale cambio dell’olio è necessario avere a disposizione l’olio motore sintetico della stessa gradazione di quella indicata sul libretto di circolazione. La gradazione dell’olio motore sintetico da utilizzare per la propria vettura è indicata sul libretto con un simbolo (ad esempio SAE 10W-40). Quasi tutti gli oli utilizzati per i veicoli sono del tipo sintetico.

Le sigle che seguono sono determinate dalla scala SAE e si basano su due cifre. La prima indica il comportamento alle basse temperature, mentre la seconda sta ad indicare le prestazioni del lubrificante alle basse temperature. Il colore del liquido varia in funzione degli additivi aggiunti e può mostrarsi con tonalità che vanno dal dorato chiaro al marroncino.

Come rabboccare l’olio motore

Per aggiungere liquido in caso di pressione dell’olio motore bassa occorre innanzitutto individuare il tappo che si trova sul coperchio della testata o accanto ad essa e che riporta il disegno uguale a quello della spia dell’olio presente sul cruscotto.

Una volta trovato occorre svitarlo ed iniziare ad aggiungere gradualmente il liquido, fino a che non viene raggiunto un livello compreso tra le due tacche dell’astina. Per inserire l’olio motore sintetico nell’apposito spazio senza provocare sbavature è possibile servirsi di un imbuto.

come controllare l'olio motore

Occorre prestare molta attenzione a non superare il livello massimo previsto. Una quantità superiore a quella massima indicata dall’astina misurata causerebbe una pressione eccessiva all’interno del motore.

Quando si nota la spia olio lampeggiante solitamente occorre intervenire semplicemente con un rabbocco.

Come cambiare l’olio motore: fai da te o meccanico?

Per le operazioni di cambio dell’olio invece, occorre fare riferimento a quanto riportato sul libretto di circolazione e sulle istruzioni generali di manutenzione del veicolo, che danno consigli su come controllare l’olio motore e quando effettuare il cambio olio totale. Solitamente il cambio olio totale viene consigliato dalle case produttrici una volta all’anno.

Se notate che la pressione dell’olio motore è bassa dovete controllare quanti chilometri sono stati percorsi dall’ultimo cambio totale.

Se sono più di 15000 Km potrebbe essere consigliabile procedere ad un nuovo cambio, mentre se sono compresi tra 4000 e 15000 probabilmente è sufficiente un’aggiunta.

Se state leggendo questa guida per sapere come controllare l’olio motore perchè la spia dell’olio si è accesa sul cruscotto della vostra auto, ma avete percorso meno di 4000 chilometri dall’ultimo cambio totale, probabilmente vi sono altri problemi nel motore.

In questo caso, dopo aver fatto un rabbocco. non dimenticate di fare un controllo settimanale. Nel caso in cui, nonostante le operazioni eseguite, doveste notare la spia dell’olio lampeggiante sul cruscotto della vostra auto, oppure l’astina dovesse riveravi che la pressione dell’olio motore è bassa, non esiate a rivolgervi al vostro meccanico di fiducia per effettuare le dovute verifiche.

Bassa pressione olio motore: un problema da non sottovalutare

La pressione dell’olio del motore bassa comporta infatti danni ben più gravi della semplifce accensione della spia dell’olio sul cruscotto. Una pressione dell’olio del motore bassa dovuta anche a perdite o rotture, può portare a danni anche molto seri alle parti mobili del propulsore.

come controllare l'olio motore

Prendere alla leggere la presenza della spia dell’olio lampeggiante sull cruscotto può portare al surriscaldamento delle parti meccaniche che può essere facilmente evitato con un’operazione semplice e veloce.

Una delle prime operazioni da compiere quando vi apprestate ad effettuare i controlli ed eventualmente fare un’aggiunta, è quella di indossare un paio di guanti. Questo vi permetterà di proteggervi da eventuali fastidiose scottature in caso di contatto accidentale con parti meccaniche ancora calde, oltre a mantenere pulite le vostre mani.

Se avete deciso di procedere da soli e, dopo aver letto in questa guida come controllare l’olio motore, avete deciso di intervenire per correggere la pressione olio del motore bassa nella vostra auto, ricordate che il liquido ha una scadenza.

Una volta venuto a contatto con l’ossigeno presente nell’aria, l’olio si degrada in un anno. Per questo motivo, se avete aperto una nuova tanica per prelevarne la quantità necessaria per correggere la spia dell’olio lampeggiante, ricorda di non farlo invecchiare.

Se invece vuoi scoprire di più sulla tua auto, leggi il nostro articolo su come funziona il cambio.

Guarda anche...

Come controllare l’olio motore: la guida facile per tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *